All’interno di questo blog molto spesso oltre ad approfondimenti sugli elettrodomestici, sulla loro storia, e curiosità varie, abbiamo dato ampio spazio ad articoli sulla riparazione di quest’ultimi attraverso una formula del fai da te.

Se infatti siete persone che amano eseguire lavori manuali e avete una certa predisposizione a farlo anche quest’articolo vi risulterà particolarmente interessante.

Questa settimana infatti ci occuperemo di come sostituire la termocoppia in cucina.Ma vediamo più nello specifico di cosa stiamo precisamente parlando.

Può capitare infatti che mentre siete ai fornelli di notare che essi non riescono a rimanere accessi, tranquilli non è il momento di comprare un nuovo piano cottura semplicemente va sostituita la termocoppia.La termocoppia  si trova in tutti i piani cottura ed ha un’importante compito: quello di impedire la fuoriuscita di gas in caso  di spegnimento accidentale del fornello.

La termocoppia è dunque un sensore di temperatura, una coppia di conduttori elettrici di diversi materiali che si uniscono in un punto comune.Questa dotazione di sicurezza  è molto apprezzata, e infonde tranquillità in casa. Può accadere però, che possa esserci un momento in cui la termocoppia si può rompere,quindi proviamo ad accendere i fornelli ma niente la fiamma non regge, la fiamma dunque si spegna..La sentenza è una: la valvola di sicurezza  è andata, e quindi dobbiamo provvedere  alla sua sostituzione.

Semplici passaggi del fai da te

Vediamo insieme i passaggi per la sostituzione:

  • innanzitutto  bisogna chiudere il gas e staccare la corrente elettrica.
  • bisogna iniziare con la rimozione delle griglie.
  • Proseguiamo con gli spartifiamma e le manopole dei vari fornelli.
  • Estraiamo  le viti da tutti i fornelli aiutandoci con un trapano avvitatore elettrico.
  • Con dei piccoli movimenti decisi solleviamo il piano cottura e rimuoviamolo completamente.
  •  Una volta svitate dobbiamo avere visione della parte interna del piano e procedere con mollare il bullone che fissa la termocoppia al fornello e successivamente sganciare il collegamento faston. A questo punto con un tester  facciamo fare contatto ad una punta all’interno del faston e l’altra sull’esterno, facendo attenzione a non farle urtare, e con un accendino proviamo a riscaldare la punta della termocoppia. Se sul tester vediamo il valore iniziare a salire gradualmente e poi scendere nel momento in cui rilasciamo la fiamma dell’accendino, significa che funziona e per esclusione possiamo sostituire il magnete, in caso contrario la termocoppia è interrotta e va sostituita.

Leave a Reply